Solfuro di magnesio


Solfuro di magnesio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareMgS
Numero CAS12032-36-9
Numero EINECS234-771-1
PubChem82824
SMILES
[Mg+2].[S-2]
Indicazioni di sicurezza

Il solfuro di magnesio è il sale binario di magnesio dell’acido solfidrico con formula MgS. È un materiale cristallino bianco ma spesso si presenta in forma impura, come una polvere marrone e non cristallina. È generato industrialmente nella produzione di ferro metallico. Ha la particolarità di essere fosforescente e di emettere colori differenti in base alle impurità che gli vengono aggiunte (argento, ferro ...).

Caratteristiche


Il MgS è formato dalla reazione di zolfo o idrogeno solforato con il magnesio. Le proprietà chimiche del MgS assomigliano a quelle dei solfuri ionici correlati come quelli di sodio, bario o calcio. Reagisce con l'ossigeno per formare il solfato di magnesio. L'MgS reagisce con l'acqua per formare l'idrogeno solforato e l'idrossido di magnesio.[1]

Nel processo di produzione dell'acciaio BOS, lo zolfo è il primo elemento da rimuovere. Lo zolfo viene rimosso dal ferro impuro con l'aggiunta di parecchie centinaia di chilogrammi di polvere di magnesio. Si forma poi il solfuro di magnesio, che poi galleggia sul ferro fuso e viene rimosso.[2]

MgS è un materiale semiconduttore che emette radiazioni blu-verde, una proprietà che è stata conosciuta fin dai primi anni del 1900.[3] Questa proprietà consente anche l'uso del MgS come fotorivelatore per luce ultravioletta a lunghezza d'onda corta.[4]

Oltre ad essere un componente di alcune scorie, MgS è presente in alcune meteoriti. Il MgS si trova anche negli involucri circumstellari di alcune stelle di carbonio.[5]

MgS reagisce a contatto con l'umidità e si trasforma in idrogeno solforato.

Note


  1. ^ Holleman, AF; Wiberg, E. Academic Press "Inorganic Chemistry": San Diego, 2001.ISBN 0-12-352651-5.
  2. ^ Ferri, GA; Guthrie, RIL "Aspetti cinetici della desolforazione del magnesio dell'altoforno" Ironmaking and Steelmaking (1981), volume 8, pp.114-21.
  3. ^ Tiede, E. "Reindarstellung von Magnesiumsulfid und seine Phosphorescenz. I (Preparation of pure magnesium sulfide and its phosphorescence. I)" Berichte der Deutschen Chemischen Gesellschaft (1916), volume 49, pages 1745-9.
  4. ^ http://adsabs.harvard.edu/abs/2012AIPA....2a2149L
  5. ^ http://adsabs.harvard.edu/abs/1985ApJ...290L..35G

Altri progetti











Categorie: Composti del magnesio | Solfuri




Data: 28.11.2020 05:28:17 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.