Strumento a percussione


Gli strumenti a percussione (comunemente definiti percussioni) sono strumenti musicali il cui suono scaturisce dal battimento, dallo sfregamento o dall'agitazione, con o senza l'ausilio di bacchette od oggetti similari da parte dell'esecutore.

Indice

Storia


L'uso di strumenti a percussione accompagna l'uomo sin dalla preistoria. La famiglia degli strumenti a percussione è ritenuta infatti la famiglia più antica tra gli strumenti musicali, posta appena dopo la voce umana.

Nella storia della musica classica le percussioni hanno avuto un ruolo determinante: basta pensare al larghissimo utilizzo dei timpani nella musica barocca e successivamente nel periodo classico; o alla scoperta delle nuove sonorità nella musica del novecento, vero e proprio secolo di sviluppo di questi strumenti (complice il loro costante utilizzo nella musica contemporanea).

Un particolare set di strumenti a percussione, la batteria, ha avuto uno sviluppo proprio nella cultura jazz e popular; oggi però si tende a distinguere le figure del batterista e del percussionista. Il primo è il musicista che si occupa esclusivamente della batteria (dove gli strumenti principali sono piatti e tamburi e le altre percussioni sono di norma accessorie), mentre il secondo termine indica il musicista che si occupa in vari ambiti (es. classico, folk, latin ecc.) di suonare le percussioni singolarmente (es. timpani, xilofono, rullante, marimba, vibrafono) o in varie combinazioni o set (diversi dalla batteria, ad esempio un set latin composto da congas, timbales, bongos ecc.).

Classificazione


La principale classificazione degli strumenti a percussione li divide in due insiemi; quelli a suono determinato, in grado di emettere note di altezza definita (ad esempio il vibrafono o i timpani), e quelli a suono indeterminato, che producono suoni definibili come "acuti" o "gravi", ma di altezza non misurabile con precisione (ad esempio il rullante o la grancassa).

Per regolare l'intonazione degli strumenti dotati di membrane si ricorreva un tempo ad aumenti di temperatura o altre modifiche ambientali; oggi questi strumenti sono dotati di sistemi per modificare la tensione delle membrane stesse.

Gli strumenti a percussione seguono inoltre una classificazione secondo categorie di appartenenza, o per tipologia:

Percussioni improprie


Le percussioni sono principalmente strumenti idiofoni e membranofoni, ma non solo. La sezione di percussioni di un'orchestra infatti contiene più comunemente strumenti a percussione classici (come timpani, rullante, grancassa, piatti) tuttavia la sezione può anche contenere strumenti non strettamente percussivi definiti comunemente aggeggi (come fischietti, sirene, macchine del vento ecc.)[1].

Il movimento artistico del Futurismo fece largo uso di strumenti musicali impropri nell'ambito di performance detti intonarumori.

Nella musica contemporanea questa soluzione è praticata con una certa frequenza. Ecco alcuni musicisti di riferimento per le percussioni improprie:

Suoni di alcuni strumenti a percussione


immagine Descrizione Suono
Agogô. Strumento per samba.
Bastone della pioggia.
Blast beat. Suonato al tempo di 120, 160, 200 et 240 BPM.
Bodhrán improvvisazione, suono semplice.
Bongo. Di origine africana.
Campanaccio o Cowbell.
Campane tubolari.
Caxixi, cestino di vimini contenente conchiglie o semi. Usato in Brasile, ma origini africane. Il suono riproduce due caxixi, di diversa grandezza, suonati contemporaneamente.
Chendaa.
Conga. Musica afro-cubana. [3]
Djembe. Suono semplice di un djembe a medio pitch.[4]
Guiro.
Kalimba.
Legnetti a percussione reciproca.
Piatti orchestrali.
Shekere.
Tamburello half moon.
Tom-tom.
Triangolo latino.

Note


  1. ^ Facchin, Le pecussioni , Google Books. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  2. ^ Leonardo D'angelo, Steve reich, compositore senza segreti , Google Books. URL consultato il 12 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2019).
  3. ^ Strumenti: Conga, Kit, Bass, Shakers.
  4. ^ The sample starts with a binary call, plays of the accompaniment pattern, and ends with a call. The accompaniment is "passport with a bass": s..ss.tts.bss.tt".

Bibliografia


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 1552  · LCCN (ENsh85099761  · GND (DE4137283-9  · NDL (ENJA00561188









Categorie: Strumenti musicali a percussione




Data: 14.05.2021 04:17:08 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.