Tippu Tip


Tippu Tip, vero nome Hamed bin Mohammed bin Juma bin Rajab bin Mohammed bin Said el Murgebi (Zanzibar, 1837Stone Town, 14 giugno 1905), è stato un mercante tanzaniano swahili di Zanzibar noto per le sue attività di razziatore e mercante di schiavi. Era anche il proprietario di alcune tra le più grandi piantagioni di chiodi di garofano e altre spezie a Zanzibar. Durante i suoi viaggi all'interno dell'Africa, Tippu Tip stabilì il controllo militare su vaste aree sia nei territori di Malawi-Zambia, che in quelli del Congo-Uganda di oggi.

Biografia


Tippu Tip era figlio di uno swahili della costa del Tanganica, come lo era il nonno paterno. Il bisnonno paterno, Rajab bin Mohammed bin Said el Murgebi, aveva sposato una delle figlie di Juma bin Mohammed el Nebhani, un commerciante della famiglia el Nebhani, tra le più rispettate di Oman. La madre era Bint Habib bin Bushir, della famiglia del sultano omanita. Il padre era un commerciante che aveva spesso partecipato in spedizioni all'interno dell'Africa alla ricerca di schiavi e avorio.

Quando Tippu Tip iniziò la sua attività di mercante, non aveva grandi ricchezze. Al tempo, i mercanti organizzavano spedizioni all'interno del continente con l'appoggio di mercanti omaniti o persiani, che anticipavano le spese. Al ritorno, dovevano restituire il prestito e parte della merce. Tippu Tip fu capace di capitalizzare sulla sua conoscenza e la sua abilità di esigere una sorta di monopolio sulle merci provenienti dalle zone sotto il suo controllo. Con i guadagni, acquistò varie tenute a Zanzibar. Alla sua morte, egli aveva accumulato sette piantagioni e circa diecimila schiavi. Il suo harem era costituito da innumerevoli mogli.

Durante i suoi viaggi, Tippu Tip incontrò famosi esploratori, tra cui Henry Morton Stanley. Alcuni di loro furono da lui salvati da morte certa, visto che avevano smarrito la strada ed erano rimasti senza provviste. Tra il 1884 e il 1887, Tippu Tip prese possesso di tutto il Congo Orientale – un territorio che comprendeva anche parte dell'Uganda di oggi – anche a nome del sultano di Zanzibar Barghash bin Sa'id. Dal 1887 al 1891, Tippu Tip fu il governatore del distretto delle Cascate di Stanley, nello Stato Libero del Congo.

Tornato a Zanzibar nel 1891 per ritirarsi dal commercio, fu spinto da vari europei a scrivere la sua autobiografia, primo libro del genere ad essere pubblicato in swahili. Heinrich Brode, che lo aveva sostenuto nel progetto, tradusse il libro in tedesco. L'opera fu poi tradotta anche in inglese e pubblicata a Londra nel 1907.

Tippu Tip morì di malaria nella sua casa di Stone Town, la città più importante di Zanzibar.

Bibliografia


Altri progetti


Controllo di autoritàVIAF (EN50024311  · ISNI (EN0000 0000 8129 1268  · LCCN (ENn50018892  · GND (DE118909223  · BNF (FRcb121177202 (data)  · BAV (EN495/51025  · CERL cnp00541990  · WorldCat Identities (ENlccn-n50018892









Categorie: Mercanti tanzaniani | Nati nel 1837 | Morti nel 1905 | Morti il 14 giugno | Zanzibar




Data: 28.11.2020 05:09:28 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.