Unione accademica nazionale


L'Unione accademica nazionale (UAN) è un ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposto alla vigilanza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali[1]. Come da previsione statutaria, essa persegue, fin dalla nascita, «lo scopo di offrire la collaborazione italiana - anche attraverso un coordinamento di varie attività accademiche - alle ricerche e pubblicazioni promosse dall'Union académique internationale (UAI), nell'ordine delle scienze filologiche, archeologiche, storiche, morali, politiche e sociali, in conformità agli statuti della predetta U.A.I.» (art. 1 dello statuto dell'UAN; R. D. 11 settembre 1924; art. 2, L. 8 giugno 1949, n. 428)[1].

La sua sede è a Roma, villa Farnesina, in via della Lungara a Trastevere, edificio di rappresentanza dell'Accademia nazionale dei Lincei[1].

Indice

Storia dell'UAN


La fondazione dell'UAN risale 1923 con un atto normativo (regio decreto 18 novembre 1923, n. 2895) che ne sancì la creazione in simultanea con il Consiglio nazionale delle ricerche[1].

In sostanza, i due nuovi istituti nascevano con identità di status giuridico e di assetto organizzativo, così come analoghi erano i compiti a ciascuno di essi affidati: la UAN assolveva alla stessa funzione del CNR (aderente invece al CIR, Consiglio internazionale delle ricerche), ma in un differente campo di azione, quello delle discipline umanistiche[1].

L'unione accademica nazionale fu soppressa nel 1938 e ricostituita solo dopo la fine della guerra, nel 1949[1]. Il suo attuale statuto è stato recepito con D.P.R. 4 febbraio 1955, n. 1262[1].

Consociati del'UAN


Nell'Unione accademica nazionale sono consociate diverse accademie italiane e istituti culturali:

Risorse on line


L'Unione accademica nazionale offre alcuni archivi consultabili on line[2]:

Note


  1. ^ a b c d e f g UAN: cenni storici e finalità , dal sito ufficiale dell'Unione accademica nazionale
  2. ^ UAN: Archivi online , dal sito ufficiale dell'Unione accademica nazionale

Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN149548883  · ISNI (EN0000 0001 2182 3135  · LCCN (ENn82067393  · WorldCat Identities (ENlccn-n82067393









Categorie: Enti pubblici di ricerca




Data: 11.05.2021 11:30:14 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.