Unione internazionale di chimica pura e applicata


Unione internazionale di chimica pura e applicata
AbbreviazioneIUPAC
TipoOrganizzazione non governativa
Fondazione1919
ScopoProgresso della chimica
Sede centrale Zurigo
Altre sediResearch Triangle Park
Area di azioneMondiale
Membri55 nazioni, 31 organizzazioni associate, 58 aziende associate, circa 2160 membri individuali e 2000 affiliati (2018)
Volontaricirca 2100 (2018)
Sito web

L'Unione internazionale di chimica pura e applicata (in inglese International Union of Pure and Applied Chemistry, acronimo IUPAC) è un'organizzazione non governativa internazionale dedita al progresso della chimica, costituita nel 1919 a Londra.

Possono divenire membri le Società Chimiche nazionali, le Accademie scientifiche e altre organizzazioni chimiche. Al 2018 risultano iscritti oltre 55 nazioni, 31 organizzazioni associate, 58 aziende associate, e alcune migliaia di persone come membri e volontari individuali.[1]

La sede internazionale della IUPAC si trova a Zurigo, in Svizzera, mentre gli uffici amministrativi e di segreteria, conosciuti con il nome di IUPAC Secretariat, hanno sede nel Research Triangle Park, nella Carolina del Nord, Stati Uniti dove ha la sua sede anche il direttore esecutivo.[2][3]

Indice

Attività


La IUPAC opera in accordo e armonizza la propria nomenclatura e terminologia, ove necessario, con la IUPAP e l'ISO e adotta il Sistema internazionale di unità di misura. È un'autorità riconosciuta che si riunisce periodicamente per aggiornare le regole riguardanti la nomenclatura chimica degli elementi e dei composti, attraverso il Comitato interdivisionale per la nomenclatura e i simboli. È inoltre membro del Consiglio internazionale per le scienze (ICSU).[4]

Anche se la IUPAC è conosciuta soprattutto per la sua attività di standardizzazione della nomenclatura chimica, essa si occupa anche intensamente di attività editoriali in molti campi della chimica, della biologia e della fisica.[5] Tra i lavori importanti sono da citare la standardizzazione dei nomi della sequenza base dei nucleotidi e la pubblicazione di libri per le scienze ambientali, chimiche e fisiche; essa mantiene anche un ruolo guida nell'attività di miglioramento dell'educazione scientifica.[5][6]

La IUPAC si occupa anche della standardizzazione dei pesi atomici degli elementi attraverso il più antico dei suoi comitati, la Commission on Isotopic Abundances and Atomic Weights.

Storia


Nel 1860 il chimico tedesco Friedrich August Kekulé von Stradonitz evidenziò per primo la necessità di avere degli standard internazionali per la chimica. Questa proposta sfociò nella prima conferenza internazionale per la nomenclatura dei composti organici.[5] Le idee formulate in quella conferenza evolsero successivamente nella Nomenclatura IUPAC dei composti organici, facendo diventare la IUPAC la più importante collaborazione internazionale tra le società chimiche con la responsabilità di mantenere e aggiornare la nomenclatura ufficiale dei composti chimici.[5][7]

La IUPAC fu ufficialmente fondata nel 1919[8], rimpiazzando il precedente International Congress of Applied Chemistry for the advancement of chemistry. La prima conferenza si tenne a Roma nel giugno del 1920.

La Germania ne fu inizialmente esclusa per l'opposizione delle potenze alleate che avevano vinto la Prima Guerra Mondiale;[9] venne in seguito ammessa nel 1929, ma esclusa nuovamente durante la Seconda Guerra Mondiale. Con la fine del conflitto, fu ammessa la Germania Ovest.[9]

Comitati e gestione


L'organizzazione è articolata al suo interno in vari comitati che hanno differenti responsabilità[10] e che si occupano di specifici progetti tra cui la standardizzazione della nomenclatura,[11] lo sviluppo della chimica nel mondo,[12] e l'attività editoriale.[13][14][15] I comitati sono attualmente i seguenti:[10]

Ogni comitato è composto da membri provenienti dai vari paesi delle National Adhering Organizations.[4]

La gerarchia del comitato di gestione prevede le seguenti norme:[16]

  1. A tutti i comitati viene assegnato un budget che deve essere rispettato.
  2. Ogni comitato può dare il via a un progetto.
  3. Se le spese per un progetto eccedono le capacità di finanziamento del comitato, la questione deve essere portata al Project Committee.
  4. Il Project Committee può aumentare il budget o varare un piano per il finanziamento esterno.
  5. Il Bureau e l'Executive Committee sovraintendono alle operazioni degli altri comitati.

Nomenclatura


Il comitato sulla nomenclatura ha storicamente l'incarico ufficiale di definire la denominazione dei prodotti chimici organici e inorganici. La nomenclatura IUPAC è sviluppata in modo che per ogni composto sia possibile definirne il nome seguendo delle regole standard ed evitando la duplicazione dei nomi.

La prima pubblicazione sull'argomento è stata la nota informativa del Congresso Internazionale di Chimica Applicata;[17] riguardava la Nomenclatura IUPAC dei composti organici ed è reperibile nel testo A Guide to IUPAC Nomenclature of Organic Compounds (1900).

Pubblicazioni


L'attività editoriale della IUPAC si esplica sia in pubblicazioni che fanno parte di una serie, come pure di testi isolati.

Pubblicazioni non parti di una serie

Serie di testi di Termodinamica Sperimentale

La serie di testi di Termodinamica Sperimentale approfondisce vari aspetti sull'argomento. I libri finora pubblicati sono i seguenti:

Serie di testi sulla chimica-fisica e chimica analitica dei sistemi ambientali

Libri con copertina colorata e collegamenti web per la nomenclatura

La IUPAC adotta un codice di colori per le copertine dei suoi libri più importanti in modo da rendere facilmente riconoscibili gli argomenti delle pubblicazioni.[5]

Titolo Descrizione
Compendium of Analytical Nomenclature

Noto come The Orange Book, il Compendium of Analytical Nomenclature copre pressoché tutta la nomenclatura IUPAC dei composti organici e quella dei composti inorganici. La prima edizione risale al 1978,[18] la seconda al 1987[19] e la terza al 1992.[19]

Pure and Applied Chemistry (rivista)

Pure and Applied Chemistry è il mensile ufficiale della IUPAC.[20][21] La sua creazione fu proposta al meeting di Parigi del 1957;[21] nel 1959 fu formato il comitato editoriale e le pubblicazioni iniziarono nel 1960.

Compendium of Chemical Terminology

Il Compendium of Chemical Terminology, è noto come The Gold Book dal colore della copertina, che a sua volta deriva dal fatto che il suo primo compilatore fu il chimico Victor Gold. Il testo compendia nomi e terminologia già trattata nella rivista Pure and Applied Chemistry.[22]

La prima edizione risale al 1987 come una semplice compilazione di quanto già precedentemente pubblicato.[5] La seconda edizione del 1997 introdusse una profonda revisione portò il libro a includere oltre settemila termini.[23] In occasione di questa edizione, uno specifico progetto IUPAC produsse anche una versione XML del testo che permette anche la modifica di parti del testo.[23]

IUPAC Nomenclature of Organic Chemistry (versione online) Noto come The Blue Book, la IUPAC Nomenclature of Organic Chemistry, è il sito web pubblicato dall'Advanced Chemistry Department Incorporated con autorizzazione della IUPAC. Il sito è in pratica un compendio di quanto pubblicato nei libri A Guide to IUPAC Nomenclature of Organic Compounds e Nomenclature of Organic Chemistry.[24]

Anno internazionale della chimica


Nell'agosto del 2007, durante la sua assemblea generale a Torino la IUPAC approvò una risoluzione per far dichiarare il 2011 come Anno internazionale della chimica. Poco meno di un anno dopo, nell'aprile 2008, l'Executive Board dell'Unesco, su proposta dell'Etiopia, approvò la risoluzione di appoggio a questa proposta che fu infine adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2008.[25]

L'obiettivo principale dell'Anno internazionale della chimica era di aumentare l'apprezzamento pubblico e l'interesse mondiale per la chimica e per i miglioramenti da essa apportati alla vita quotidiana.

Presidenti IUPAC


I presidenti IUPAC sono eletti dal Consiglio durante l'Assemblea Generale. Di seguito è riportato l'elenco dei presidenti IUPAC dalla fondazione nel 1919 ad oggi.[26]

Mandato Presidente Nazionalità
1920-1922 Charles Moureu  Francia
1923-1925 William Jackson Pope  Regno Unito
1926-1928 Ernst Julius Cohen  Paesi Bassi
1928-1934 Einar Biilman  Danimarca
1934-1938 Nicola Parravano  Italia
1938-1947 Marston Taylor Bogert  Stati Uniti
1947-1951 Hugo Rudolph Kruyt  Paesi Bassi
1951-1955 Arne Tiselius  Svezia
1955-1959 Arthur Stoll  Svizzera
1959-1963 William Albert Noyes Jr.  Stati Uniti
1963-1965 Alexander Robertus Todd  Regno Unito
1965-1967 Wilhelm Klemm  Germania
1967-1969 V.N. Kondratiev  Unione Sovietica
1969-1971 Albert Lloyd George Rees  Australia
1971-1973 Jacques Bénard  Francia
1973-1975 Harold Warris Thompson  Regno Unito
1975-1977 Robert W. Cairns  Stati Uniti
1977-1979 Georges Smets  Belgio
1979-1981 Heinrich Zollinger  Svizzera
1981-1983 Saburo Nagakura  Giappone
1983-1985 William George Schneider  Canada
1985-1987 Chintamani Nagesa Ramachandra Rao  India
1987-1989 Valentin Koptyug  Unione Sovietica
1989-1991 Yves Jeannin  Francia
1991-1993 Allen Bard  Stati Uniti
1993-1995 Kiril Zamaraev  Russia
1996-1997 Albert E. Fischli  Svizzera
1998-1999 Joshua Jortner  Israele
2000-2001 Alan Hayes  Regno Unito
2002-2003 Pieter Streicher Steyn  Sudafrica
2004-2005 Leiv Kristen Sydnes  Norvegia
2006-2007 Bryan Henry  Canada
2008-2009 Jung-Il Jin  Corea del Sud
2010-2011 Nicole J. Moreau  Francia
2012-2013 Kazuyuki Tatsumi  Giappone
2014-2015 Mark C. Cesa  Stati Uniti
2016-2017 Natalia Tarasova  Russia
2018-2019 Qi-Feng Zhou  Cina
2020-2021 Christopher M.A. Brett  Portogallo

Note


  1. ^ (EN) Membership directory , su iupac.org. URL consultato il 2 dicembre 2018.
  2. ^ IUPAC Council Agenda Book 2009 (PDF), IUPAC, 2009. URL consultato il 17 aprile 2010.
  3. ^ International Union of Pure and Applied Chemistry: John D. Petersen Appointed IUPAC Executive Director Archiviato il 14 dicembre 2012 in Internet Archive.. IUPAC. Retrieved on 2013-07-29.
  4. ^ a b IUPAC National Adhering Organizations , Iupac.org, 2 giugno 2011. URL consultato l'8 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  5. ^ a b c d e f R.W. Fennel, History of IUPAC, 1919–1987, Blackwell Science, 1994, ISBN 0-86542-878-6.
  6. ^ IYC: Introduction. Archiviato l'8 ottobre 2011 in Internet Archive. 9 July 2009.
  7. ^ Theodore L. Brown, H. Eugene LeMay Jr, Bruce E Bursten, Chemistry The Central Science Tenth Edition, Pearson Books, 2006, ISBN 0-13-109686-9.
  8. ^ International Union of Pure and Applied Chemistry: About , su iupac.org. URL consultato il 3 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2012).
  9. ^ a b (DE) Brigitte Kaderas, Wissenschaften und Wissenschaftspolitik: Bestandsaufnahmen zu Formationen, Brüchen und Kontinuitäten im Deutschland des 20. Jahrhunderts, Franz Steiner Verlag, 2002, ISBN 3-515-08111-9.
  10. ^ a b IUPAC Committees list retrieved 15 April 2010
  11. ^ Interdivisional Committee on Terminology web page Archiviato il 9 ottobre 2010 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  12. ^ Chemdrawn Archiviato il 6 luglio 2008 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  13. ^ Pure and Applied Chemistry Editorial Advisory Board web page Archiviato il 9 ottobre 2010 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  14. ^ Project Committee web page , Iupac.org, 2 giugno 2011. URL consultato l'8 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  15. ^ Evaluation Committee page Archiviato il 9 ottobre 2010 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  16. ^ IUPAC Project Committee Archiviato il 29 giugno 2011 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  17. ^ IUPAC Publications List Archiviato il 9 maggio 2010 in Internet Archive.
  18. ^ IUPAC orange book publication history [collegamento interrotto]
  19. ^ a b Orange Book Preamble Archiviato l'8 febbraio 2012 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  20. ^ IUPAC Pure and Applied Chemistry Archiviato l'11 giugno 2012 in Internet Archive. retrieved 15 April 2010
  21. ^ a b IUPAC Pure and Applied Chemistry Issue 1 retrieved 15 April 2010
  22. ^ Gold Book Online retrieved 15 April 2010
  23. ^ a b [1] retrieved 15 April 2010
  24. ^ Online version of Blue Book retrieved 15 April 2010
  25. ^ About IYC: Introduction. Archiviato il 12 giugno 2010 in Internet Archive. 9 July 2009. Retrieved on 24 April 2010.
  26. ^ Past Officers of IUPAC 19 September 2005. Retrieved on 06 January 2019.

Bibliografia


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN134291432  · ISNI (EN0000 0001 2288 4343  · LCCN (ENn79070126  · GND (DE1011135-9  · BNF (FRcb12328259h (data)  · BNE (ESXX253919 (data)  · NLA (EN35235202  · NDL (ENJA00743370  · WorldCat Identities (ENlccn-n79070126









Categorie: Organizzazioni di chimica | Organizzazioni di metrologia




Data: 27.11.2020 06:46:44 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.