Voivodato di Serbia e Banato di Temes


Voivodato di Serbia e Banato di Temes
Dati amministrativi
Nome completoWoiwodschaft Serbien und Temescher Banat
Војводство Србија и Тамишки Банат
Lingue ufficialiserbo
tedesco
CapitaleTemes
Dipendente da Austria
Politica
Forma di governoVoivodato
Nascita1849 con Francesco Giuseppe d'Austria
CausaCreazione del voivodato
Fine1860 con Francesco Giuseppe d'Austria
CausaAbolizione del voivodato ed annessione all'Impero austriaco
Territorio e popolazione
Popolazione1.525.523 nel 1860
Evoluzione storica
Preceduto da Voivodato di Serbia
Succeduto da Impero austriaco
Ora parte di Ungheria
 Romania
 Serbia

Il voivodato di Serbia e Banato di Temes (tedesco: Woiwodschaft Serbien und Temescher Banat, serbo: Војводство Србија и Тамишки Банат) o semplicemente Gran voivodato di Serbia, fu una provincia dell'Impero austriaco esistente dal 1849 al 1860.

Indice

Storia


Il voivodato venne formato con decisione dell'imperatore austriaco nel novembre del 1849 dopo le rivoluzioni del 1848/49. Esso venne costituito in accordo coi privilegi concessi ai serbi dall'imperatore asburgico nel 1691, riconoscendo i diritti dei Serbi all'autonomia territoriale in seno alla monarchia asburgica.

Esso era composto dalle regioni del Banato, della Bačka e del nord della Sirmia con le municipalità di Ilok e Ruma. Un governatore austriaco con sede a Temes governava l'area, mentre il titolo di voivoda apparteneva all'imperatore stesso. Anche dopo l'abolizione del voivodato, l'imperatore continuò a portare il titolo di voivoda sino alla fine della monarchia austro-ungarica nel 1918.

Nel 1860 il voivodato di Serbia ed il Banato di Temes vennero aboliti e gran parte del territorio (il Banato e la Bačka) vennero incorporati nel Regno d'Ungheria asburgico, passato poi al diretto controllo ungherese dopo la firma del compromesso austro-ungarico del 1867, quando il Regno d'Ungheria ottenne l'autonomia pur rimanendo all'interno dell'impero austriaco. A differenza del Banato e della Bačka, nel 1860 la Sirmia venne incorporata nel Regno di Slavonia, altro territorio della corona asburgica. Il regno di Slavonia successivamente venne unito al Regno di Croazia a formare il nuovo Regno di Croazia e Slavonia che entrò a far parte delle Terre della Corona di Santo Stefano nel 1868, a sua volta stato costituente dell'Impero austro-ungarico.

Geografia antropica


Suddivisioni amministrative

In un primo momento, il voivodato venne diviso in due distretti:

  1. Batschka-Torontal (Bačka-Torontal)
  2. Temeschwar-Karasch (Timișoara-Caraș)

Successivamente, esso venne diviso in cinque distretti:[1]

  1. Großbetschkerek / Veliki Bečkerek
  2. Lugosch / Lugoj
  3. Neusatz / Novi Sad
  4. Temeschwar / Timişoara
  5. Zombor / Sombor

Governanti


Gran Voivoda:[2]

Governatori:

Note


  1. ^ Drago Njegovan, Prisajedinjenje Vojvodine Srbiji, Novi Sad, 2004.
  2. ^ [1]

Altri progetti











Categorie: Stati costituiti nel XIX secolo | Stati dissolti negli anni 1800 | Storia della Serbia | Stati europei scomparsi




Data: 06.10.2021 11:48:51 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.