William Auld


William Auld (Erith, 6 novembre 1924Dollar, 11 settembre 2006) è stato un poeta, traduttore ed esperantista britannico.

È noto per essere il maggior scrittore esperantista della seconda metà del XX secolo. Egli abbracciò attivamente l'esperanto nel 1947, e nello stesso anno iniziò a pubblicare i propri lavori in questa lingua.

È stato candidato al premio Nobel dal 1999 fino all'anno della morte dall'associazione degli scrittori in esperanto[1].

Nel 2001 donò la sua vasta collezione di letteratura esperantista alla Biblioteca nazionale scozzese.

Fu vicepresidente dell'Universala Esperanto-Asocio (1977-1980), presidente della Akademio de Esperanto (1979-1983), presidente onorario dell'Esperanta PEN-Centro e membro onorario dell'UEA.

Indice

L'attività letteraria


Le sue prime opere risalgono alla Seconda guerra mondiale. Al suo ritorno in Scozia nel 1947 pubblicò una poesia tradotta in inglese nella seconda edizione della rivista Esperanto en Skotlando.

Auld collaborò con diverse riviste, tra cui Esperanto en Skotlando (1949-1955), "Esperanto" de UEA (1955-1958, 1961-1962), Monda Kulturo (1962-1963), Norda Prismo (1968-1972), La Brita Esperantisto (1973-1999), Fonto (1980-1987), Monato.

Tra le sue opere ricordiamo La Infana Raso (La Razza Infantile) del (1956), poema didascalico in venticinque capitoli tradotto in inglese, francese, olandese, polacco, ungherese, gaelico irlandese, gaelico scozzese, islandese e italiano[2].

Tradusse, in collaborazione con Christopher Gledhill, che si occupava della prosa, Lo Hobbit. Pubblicò le sue opere nella rivista Literatura Mondo fino al 1949, anno di chiusura della rivista.

William Auld divenne conosciuto al pubblico internazionale nel 1952, quando pubblicò la raccolta Kvaropo, in collaborazione con John Dinwoodie, John Francis e Reto Rossetti.

Dopo la chiusura di Literatura Mondo, collaborò dal 1955 al 1958 nell'organo ufficiale dell'UEA, la rivista Esperanto e poi tra il 1962 ed il 1963 con Monda Kulturo, e dal 1981 con la rivista letteraria Fonto. Fu anche redattore del periodico Monato dal 1979 al 1998.

Opere


Raccolte di poesie

Antologie

Traduzioni

Dall'inglese

Dallo scozzese

Dallo svedese

In inglese dal ceco attraverso l'esperanto

Raccolte di canzoni

Sussidiari

Studi

Raccolte di saggi

Miscellanea

Note


Bibliografia


Altri progetti


Collegamenti esterni


Predecessore Presidente della Akademio de Esperanto Successore
Gaston Waringhien 1979 - 1983 André Albault
Controllo di autoritàVIAF (EN74006358  · ISNI (EN0000 0001 1447 9145  · LCCN (ENno2001001852  · GND (DE130428760  · BNF (FRcb134932023 (data)  · NDL (ENJA01097530  · WorldCat Identities (ENlccn-no2001001852









Categorie: Poeti britannici | Traduttori britannici | Esperantisti britannici | Nati nel 1924 | Morti nel 2006 | Nati il 6 novembre | Morti l'11 settembre | Nati a Erith | Morti a Dollar (Regno Unito) | Scrittori in lingua esperanto | Poeti in esperanto




Data: 14.05.2021 11:35:44 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.